Dopo l’intervento chirurgico alle palpebre non riesco a chiudere gli occhi – Aiuto!

La chirurgia plastica delle palpebre, nota anche come blefaroplastica, è normalmente una procedura molto sicura e gratificante che ti farà apparire e sentirti benissimo. È della massima importanza che tu scelga un chirurgo specializzato in chirurgia estetica delle palpebre per assicurarti di ricevere il miglior trattamento possibile. Tuttavia, c’è sempre una piccola possibilità che qualcosa vada storto durante l’intervento chirurgico e dovresti sapere cosa fare in caso di complicazioni.

Questo è un problema raro, ma molto serio se ne soffri davvero. Il gonfiore temporaneo è una risposta normale all’intervento chirurgico e può significare che chiudere gli occhi richiede uno sforzo extra e che gli occhi sono più secchi del solito. Se hai gli occhi asciutti dopo un intervento chirurgico alle palpebre, assicurati di usare i colliri come indicato dal tuo medico per migliorare l’irritazione degli occhi. Poiché il gonfiore è temporaneo, un problema del genere dovrebbe risolversi rapidamente e la palpebra tornerà presto alla normale funzionalità.

Dopo circa sei settimane, il gonfiore post-operatorio dovrebbe essere diminuito e i sintomi dell’occhio secco dovrebbero attenuarsi. Tuttavia, a volte un intervento chirurgico eccessivamente aggressivo può causare danni a lungo termine che possono persino peggiorare i sintomi dell’occhio secco esistenti. Questo può accadere quando viene rimossa troppa pelle e/o muscoli dalla palpebra superiore, il che significa che i tuoi occhi potrebbero non chiudersi completamente di notte quando sei rilassato e non ci pensi. Fortunatamente, questa è una preoccupazione che può essere risolta fintanto che sei sicuro di consultare un medico su questo problema. Se non riesci a chiudere completamente le palpebre, indipendentemente dal fatto che tu sia sveglio o dormendo, è consigliabile essere valutato da un collega oculista o chirurgo plastico palpebrale, che è un oculista specializzato in chirurgia palpebrale.

Di che tipo di trattamento ho bisogno?

Dipende dall’esatta natura del tuo problema e dalle circostanze individuali uniche. L’intervento chirurgico può danneggiare gli stessi nervi che alimentano il muscolo che usi per chiudere l’occhio, indebolendo il riflesso delle palpebre. Ciò può accadere quando la pelle e i muscoli vengono rimossi al momento dell’intervento chirurgico alle palpebre. Il risultato è che potresti non battere le palpebre con una velocità o una forza sufficienti per chiudere completamente l’occhio. Ciò significa che le palpebre non saranno in grado di muovere correttamente le lacrime sulla superficie degli occhi per mantenerli umidi.

Il primo metodo di trattamento qui è aumentare la frequenza dei colliri e forse usare un unguento per gli occhi a seconda di ciò che il medico ha prescritto. Il chirurgo potrebbe consigliarti di utilizzare temporaneamente un tappo per chiudere gli scarichi lacrimali per mantenere gli occhi umidi. Quando queste misure non sono sufficienti per ripristinare il comfort oculare, è tempo di considerare la chirurgia ricostruttiva delle palpebre. Il tuo chirurgo originale sarà probabilmente desideroso di risolvere i tuoi problemi. Quando possibile, ti consigliamo di chiedere assistenza al tuo chirurgo originale. Tuttavia, se non ti senti più a tuo agio con il tuo chirurgo plastico dell’occhio o sei preoccupato che le tue esigenze vadano oltre le loro competenze, è una buona idea cercare più opinioni.

Ciò è particolarmente importante quando il chirurgo non è un chirurgo plastico dell’occhio, ma è addestrato in un’altra specialità chirurgica. Il primo compito della consultazione del secondo parere è determinare qual è la base del problema e se sono state adottate tutte le misure mediche appropriate per migliorare il comfort visivo. Probabilmente avrai una gamma di opzioni a seconda della gravità del tuo problema. In alcuni casi, potrebbe essere necessaria una ricostruzione palpebrale per aiutare a riparare la chirurgia palpebrale. L’obiettivo di qualsiasi soluzione è fare in modo che le palpebre si incontrino facilmente e consentire una forza di chiusura sufficiente per aiutare a diffondere le lacrime sulla superficie della cornea.

Hai bisogno di un chirurgo plastico oculofacciale esperto

Il chirurgo dovrebbe sempre lavorare con attenzione e operare in modo conservativo per ridurre al minimo il rischio di complicanze chirurgiche e garantire risultati dall’aspetto naturale. È vero che la prevenzione è il miglior trattamento, ma se stai già subendo gli effetti di un intervento chirurgico alle palpebre eccessivamente aggressivo, hai bisogno di una soluzione per riparare il danno che hai già subito. Ora è il momento di trovare un medico con una specializzazione, istruzione, formazione ed esperienza nella chirurgia ricostruttiva delle palpebre.

Se il tuo rapporto con il tuo chirurgo si è deteriorato per qualsiasi motivo, o se sei preoccupato per le capacità del tuo medico in quella particolare area di specializzazione, ti invitiamo a esercitare un buon giudizio e chiedere un secondo o un terzo parere. Questa è una buona idea anche se in passato ti è stato detto che non c’è niente di sbagliato o che non si può fare nulla. Ci sono momenti in cui ha senso passare a un medico che dedica gran parte della sua pratica alla chirurgia ricostruttiva delle palpebre per correggere il trattamento precedente.

Leave a Comment