I tre livelli di autodifesa

Ci sono tre livelli minimi di autodifesa. Di solito, diverse scuole di arti marziali insegnano diversi livelli da 3 a 8 livelli. Il minimo indispensabile sarà sempre 3.

Nella mia esperienza personale, 5 livelli sono i più efficaci. Ma ciò non toglie nulla ai tre livelli che sono anche più o meno ugualmente efficaci soprattutto per i principianti. Dal momento che più livelli possono complicare le cose.

Quindi iniziamo con i tre livelli.

1. Consapevolezza e fuga.

La cosa più importante è essere consapevoli di ciò che ti circonda e di cosa stai affrontando. Determinando la tua situazione attuale, avrai un’idea molto più chiara di cosa devi fare. Combatti, difendi o scappa.

Per prima cosa sii consapevole di dove ti trovi.

Sei solo?

È una zona d’ombra pericolosa?

Puoi chiamare aiuto? UN

Ci sono uscite di emergenza?

Queste sono solo alcune delle cose di cui devi essere consapevole. Allora devi conoscere il tuo nemico. Ce ne sono uno o più? Ha un’arma e puoi difenderti da essa.

Dopodiché, devi capire il processo di fuga. Se è un’arma, cosa puoi usare per difenderti. Una tavola di legno. Spazzatura. Qualsiasi cosa tu possa usare. O se è una pistola, forse dovresti semplicemente obbedire al tuo aggressore.

2. Difesa e ritorsioni.

Difenditi a tutti i costi. Se vieni attaccato e non c’è via d’uscita. Difendere.

Usa tutti i mezzi a tua disposizione per assicurarti di non ferirti fisicamente. Usa tutte le armi che riesci a trovare. Una bottiglia. Un bastone. Una pietra. Qualsiasi cosa tu possa trovare.

Le rappresaglie o i contrattacchi vengono dopo. Puoi bloccare l’attacco e colpire il tuo attaccante con un colpo rapido per stordirlo.

3. Stordimento e Incapacità

Stordire il tuo aggressore potrebbe farti guadagnare tempo e darti l’opportunità di scappare. Il modo migliore per stordire il tuo aggressore è colpire parti vulnerabili come l’inguine, gli occhi, la testa e la gola.

Una volta stordito, puoi decidere di scappare o neutralizzare il tuo aggressore. Questo per metterlo fuori combattimento con un colpo potente. L’uso delle armi è più efficace qui. O con un duro colpo alla testa o all’inguine per tirare fuori il tuo aggressore dal combattimento e darti il ​​tempo di scappare e chiedere aiuto.

Questi sono i 3 livelli di autodifesa. Di solito altre scuole di arti marziali insegnano diverse forme di livelli. Ma di solito è una combinazione di quanto sopra. Alcune scuole insegnano 5 o più livelli di autodifesa.

Ultime parole.

Essendo consapevoli e non mettendo te stesso in situazioni pericolose in primo luogo, puoi evitare di doverti difendere. Sapendo dove sei, dove stai andando e con chi sei. Se fai parte di un gruppo, probabilmente ridurrai la probabilità di essere attaccato del 99%. Non camminare mai da solo nel cuore della notte.

Leave a Comment