Mosse di combattimento di strada – I 5 errori di autodifesa di strada più letali

Errore n. 1 – Non hai consapevolezza della situazione – La consapevolezza della situazione significa che vedi i segnali della “bandiera arancione” di comportamenti sospetti e pericolosi da parte di individui sospetti e pericolosi.

Soluzione: devi fidarti del tuo istinto. Quando senti che qualcosa non va o non va in un ambiente estraneo, presta attenzione a quei sentimenti. Non ignorare l’individuo con gli occhi sfuggenti che indossa lo spesso soprabito di lana nel bel mezzo di una calda giornata estiva di agosto con la mano infilata nella tasca del cappotto.

Errore n. 2 – Non stai cercando oggetti nel tuo ambiente che possono essere usati come armi – Dimentica nunchakus, stelle shiroken, bastoncini bo e spade di kung fu che molti sifu insegnano ad usare nelle scuole di kung fu. Questa non è l’antica Cina! Non andrai in giro con una di queste armi antiche. In primo luogo, la legge non lo consente e, in secondo luogo, la maggior parte di essi sono troppo complicati per essere manovrati e utilizzati in modo esperto. Quante volte hai visto nei video americani più divertenti qualcuno che dimostrava l’uso del nunchakus, finendo poi per prendersi a pugni i “gioielli di famiglia”?

Soluzione: se vedi una bottiglia di ketchup in un fast food (o qualsiasi altro oggetto difficile e facile da afferrare), se necessario, prendila e usala. Se hai una tazza di caffè caldo (o una tazza di qualsiasi liquido per quella materia), lanciala in faccia a un attaccante inaspettatamente, quindi dai diversi calci duri agli stinchi e prosegui con d altri colpi.

Errore #3 – Consentire a un aggressore evidente di colpire per primo – Questa è una chiamata di giudizio, ma c’è un punto in cui la situazione passa dal grigio al nero pece. Se qualcuno parla con te, ma sta solo urlando e urlando mentre è fermo in un posto, di solito è un segno che non è una vera minaccia, solo sfogo. Ora, se quella stessa persona inizia a stringere il pugno, inizia a muoverti in modo aggressivo verso il tuo spazio personale anche se fai un passo indietro: ora è il momento di usare un attacco preventivo.

Soluzione: colpisci per primo e rapidamente in un modo e in un’area che lo devasterà e lo fermerà sul colpo. La migliore prima mossa? Colpisci con forza gli stinchi anteriori alcune volte e segui con un rastrello per gli occhi, un artiglio di tigre, le dita che si arricciano verso l’interno su e giù sopra gli occhi o un calcio a distanza ravvicinata con un angolo di 45 gradi verso il ginocchio.

Errore #4 – Non continuare il tuo attacco dopo esserti impegnato a eseguire il primo colpo – Nei combattimenti di strada, è una mentalità pericolosa voler semplicemente “controllare” la situazione o placare l’attaccante. Conosco un caso in cui una cintura marrone di kung fu ha litigato con un individuo che è riuscito rapidamente e fortunatamente a sbattere a terra con un calcio rotondo alto in faccia (il tipo di calcio che non consiglierei in una strada situazione di combattimento) comunque, per farla breve, quando il ragazzo è caduto a terra dopo quel calcio in faccia, ha finto di essere più ferito di quanto non fosse in realtà. Quando la cintura marrone si è chinata per “parlare” con il ragazzo per calmarlo, e mentre lui spiegava quanto fosse inutile per loro combattere, il ragazzo a terra ha afferrato tranquillamente un mattone e lo ha fracassato nel cranio di cintura marrone, facendolo cadere fuori e provocandogli una commozione cerebrale.

Soluzione: una volta che ti sei impegnato a colpire qualcuno con il primo colpo, assicurati che sia un colpo che conta e – non smettere di colpire – fino a quando il tuo attaccante non è completamente sopraffatto o messo KO.

Errore #5 – Cercare di fare calci in aria alti invece di calci in linea bassa – Dimentica Bruce Lee. Dimentica Jackie Chan. Dimentica Jet Li. Dimentica i film. Questa è la vita reale. Non stai cercando di combattere in modo carino, avere un bell’aspetto o sentirti un eroe d’azione. Queste non sono partite sportive. Questa non è una lotta in un torneo. In molti casi stai combattendo per la tua vita o per la sicurezza dei tuoi cari.

Soluzione: lotta per sopravvivere. Combatti basso e sporco. Colpisci gli stinchi. Batti le ginocchia. Calcia l’inguine se hai un tiro pulito. Ma non colpire mai sopra il livello della vita. Salvalo per i produttori di film di Hollywood. Il tuo compito è semplicemente salvarti la vita.

Leave a Comment