Produttori di cosmetici a marchio del distributore

Dopo l’ondata di outsourcing dei primi anni ’90, il “private labeling” (noto anche come white labeling) sta diventando la “nuova normalità” per il posizionamento del marchio.

Si tratta di prodotti o servizi generalmente prodotti o forniti da una società per essere offerti con il marchio di un’altra società. Si tratta di beni e servizi disponibili in un’ampia gamma di settori, dall’alimentare ai cosmetici, che offrono vantaggi a tutte le parti coinvolte, in particolare ai consumatori.

Infatti, nel libro “Private Label Strategy: How to Meet the Store Brand Challenge” di Nirmalya Kumar… dice tutto, dimostrando che le vendite di private label sono grandi e in crescita, e danno una forte concorrenza al grande mega marchio e affermato l’influenza e i profitti del produttore.

Quindi non ci sono davvero delle buone contro-strategie, a parte il taglio dei costi e magari l’abbellimento della confezione, della pubblicità.

Bene. marchi cosmetici regionali, nazionali o internazionali assistiti da portali di e-commerce.

Pertanto, la presenza sul Web online le consente di scalare facilmente e risalire la catena del valore, poiché negli ultimi anni alcuni produttori di marchi di cosmetici a marchio del distributore si sono posizionati come sviluppatori di marchi “premium” per competere con i marchi “di nome” esistenti.

Razionalizzazione del Web per i produttori di Cosmetici tramite “Outsourcing”

Un’azienda “X” che utilizza questo metodo strategico può collaborare con il produttore per creare una miscela personalizzata, che è abbastanza conveniente e garantisce anche che il prodotto sia marchiato in modo univoco attraverso una presenza online. Oppure un’azienda può acquistare qualsiasi mix di azioni che offre, il che è chiaramente un’opzione molto più economica.

Il marchio del distributore è praticato anche da molti noti produttori di marchi. I produttori quindi DEVONO sapere cosa pensano veramente i consumatori del marchio del distributore rispetto ai marchi nazionali e come questi marchi white label lavorano per creare i propri fan del marchio.

Queste aziende di cosmetici in outsourcing nell’era del marketing online amano tenersi al passo con tendenze, normative, imballaggi e ingredienti di qualità e tutti i fattori che rendono un buon prodotto di bellezza continuano a essere popolari, di vitale importanza per gli sviluppatori di prodotti di bellezza a marchio del distributore prodotti.

Con il giusto mix tra laboratorio e mercato, le società di outsourcing possono fornire risultati straordinari.

Pertanto, il segmento dei cosmetici a marchio “private label” sta guidando la decisione di alcune aziende di entrare in nuovi segmenti di mercato in cui un altro marchio di un’azienda simile li aveva resi famosi (ad esempio, aziende di abbigliamento che lanciano fragranze)

In quanto tale, l’etichettatura bianca può essere estremamente redditizia per le aziende cosmetiche con prodotti di nicchia pronti a conquistare la quota di mercato più ampia per determinati prodotti cosmetici e sanitari che godono di un elevato riconoscimento tra i clienti grazie alla presenza di un marchio simile.

Leave a Comment