Storia della cura della pelle Parte 19: La grande depressione, 1930-1939

L’incidente

Tutto cambiò improvvisamente nel 1929 quando il mercato azionario crollò. Molti ricchi sono diventati poveri dall’oggi al domani e molti poveri sono diventati indigenti. Mentre gli shock sono stati avvertiti in tutto il mondo occidentale, l’America ha sopportato il peso maggiore della depressione. Nei centri urbani sorsero tendopoli e baracche, le file del pane si estendevano attraverso gli isolati e molte persone furono costrette a lasciare le loro case in cerca di lavoro. Anche quelli con un lavoro sicuro sono stati costretti a stringere la cinghia. I soldi scarseggiavano ei tempi erano incerti, costringendo le persone a stare molto attente a ciò che avevano. La stravaganza pubblica è rapidamente passata di moda, anche tra i ricchi. Le manifestazioni di ricchezza erano viste come vistose alla luce della povertà di massa che aveva afflitto la nazione. Tuttavia, la cura della pelle ha continuato a essere al primo posto nella mente di molte persone. Infatti, nel 1930, l’industria cosmetica era la quarta industria più grande del paese.

Sebbene molte donne dovessero adattare le loro routine di bellezza, si sforzavano ancora di ottenere l’aspetto reso popolare dalle loro star del cinema preferite. Il glamour era ancora presente, anche se molto più tenue di quanto non fosse negli anni 20. Il trucco “glow” in crema pesante era popolare, così come lo erano eyeliner, rossetto e fard. Sebbene il trucco per gli occhi sia ancora applicato in uno spesso strato, è stato attenuato dagli occhi esagerati da “vampiro” del decennio precedente. Invece di drammatiche labbra pungenti, le star del cinema e le donne di tutti i giorni preferivano un semplice lavaggio del colore sulla bocca. In effetti, il rossetto ora era disponibile in una miriade di rosa più tenui e nei rossi vibranti che erano stati così popolari negli anni Venti. Mentre Max Factor era ancora il preferito delle star di Hollywood, le donne ora avevano diversi produttori tra cui scegliere come Lancôme, Elizabeth Arden e Revlon.

Fare prodotti per la cura della pelle durante la depressione

Per stimolare le vendite vacillanti, i produttori hanno rilasciato un flusso costante di aggiornamenti per i loro prodotti di bellezza. Il fard era disponibile in crema e in polvere. Il rossetto è disponibile in una gamma di colori sempre più ampia. Elsa Schiaparelli è stata la prima a rilasciare un rossetto luminoso all’inizio del decennio. Ha chiamato la sua firma rosa chiaro, “Schiap”, come se stessa. Entro la fine del decennio, le donne potevano acquistare rossetto e smalto in tonalità abbinate. Anche creme fredde e saponi economici hanno continuato a essere i più venduti, con Palmolive e Ivory in testa al gruppo di schiumatura.

Nonostante il basso costo dei saponi e dei detergenti di base, molte donne hanno scelto di risparmiare denaro creando i propri prodotti per la cura della pelle e antietà. Le riviste di moda spesso stampavano ricette per creme fredde e tonici che potevano essere fatti con ingredienti domestici. Una crema fredda di base, ad esempio, può contenere ingredienti come cera d’api, olio minerale, acqua e borace. Le ricette per i tonici per la pelle variavano ampiamente e potevano contenere qualsiasi cosa, dal latte e succo di limone allo zucchero e all’amamelide. I tonici avevano lo scopo di aprire i pori e ravvivare la pelle. La maggior parte aveva ingredienti astringenti o acidi, nonché un olio essenziale che fungeva da profumo o profumo.

Il regime quotidiano di cura della pelle

Sebbene la cura della pelle in più fasi non sia stata commercializzata e venduta fino agli anni ’60, la maggior parte delle donne segue una routine di bellezza quotidiana che richiede una serie di prodotti diversi. Che fossero ricche o povere, la maggior parte delle donne usava la crema fredda per pulirsi il viso. Sebbene ampiamente utilizzato, il sapone era considerato troppo duro per la pelle delicata del viso ed era generalmente riservato alla pulizia del resto del corpo. La crema fredda era composta da olio e poteva pulire lo sporco e lo sporco senza seccare la pelle. Le donne hanno applicato un sottile strato di crema e poi l’hanno asciugato con un panno morbido.

La detersione può essere seguita dall’applicazione di una serie di stimolanti, tonici e creme per la carnagione. Le creme per la carnagione erano spesso usate come maschere per il viso antietà e di solito avevano un alto contenuto di grassi o oli. Si credeva che una volta che il grasso fosse stato assorbito dalla pelle, avrebbe riempito le rughe, ottenendo una carnagione liscia e giovane. Solo dopo che la loro pelle era stata accuratamente detersa, ravvivata, idratata e trattata, le donne avrebbero applicato la crema pesante che avrebbe costituito la base del loro trucco.

Leave a Comment